Sei in » Cronaca
30/03/2017 | 19:29

I carabinieri della Stazione di Cavallino, a conclusione di una accurata attività d'indagine, hanno deferito in stato di libertà Alessio Iasella, 30enne del posto e volto noto, accusato di furto aggravato in abitazione.


Ladro incastrato dalle impronte digitali


Cavallino. Nonostante fosse ai domiciliari, ha deciso di ‘visitare’ l’abitazione di una casalinga 43enne e per questo Alessio Iasella, 30enne di Cavallino, considerato l’autore del “colpo”, è finito nei guai. Il giovane, volto conosciuto alle forze dell’ordine, è stato deferito in stato di libertà alla Procura della repubblica di Lecce con l’accusa di furto aggravato in abitazione. A tradirlo sono state le impronte digitali che ha lasciato nelle stanze dell’appartamento ripulito.   
  
Ma per capire come si sono svolti i fatti tocca andare con ordine. A giugno dello scorso anno, infatti, Iasella si era introdotto in casa di una casalinga di Cavallino che, quando si è accorta dell’irruzione indesiderata, ha lanciato l’allarme alle forze dell’ordine. Nell’appartamento erano giunti i militari della locale stazione che insieme al personale specializzato al sopralluogo del Nucleo Operativo della Compagnia di Lecce, erano riusciti ad isolare sulla ‘scena del crimine’ alcune impronte papillari, che erano state prontamente repertate. È bastata una ‘comparazione’ del Raggruppamento Investigazioni Scientifiche di Bari. per capire che appartenevano a Iasella. È stato in questo modo che, dopo una lunga e accurata attività di indagine, è stato possibile inchiodare il 30enne come l’autore del trafugamento.              
 
I risultati delle indagini sono stati trasmessi alla dott.ssa Roberta Licci della Procura della Repubblica di Lecce, Pubblico Ministero titolare del relativo procedimento penale, per le valutazioni di propria competenza. È stato informato anche il GIP del Tribunale di Lecce per valutare la sospensione degli arresti domiciliari di cui il 30enne beneficiava.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |